HOME Back

Use the

Planning a Trip to Japan?

Share your travel photos with us by hashtagging your images with #visitjapanjp

Matengai Cliff Matengai Cliff

SHIMANE Isole Oki Le isole remote del Mar del Giappone, lontane anni luce dal Giappone moderno

Dalle isole dell'arcipelago giapponese agli ecosistemi unici

Parte del Parco nazionale Daisen-Oki e riconosciute come Geoparco globale UNESCO dal 2013, solo quattro delle 180 isole Oki sono disabitate. Le isole sono un luogo ideale per gli sport acquatici, le visite turistiche e le escursioni.

 

 

Da non perdere

  • I tramonti su Rosoku-jima (isola Candela)
  • Il trekking sulla bellissima costa di Kuniga
  • Godersi i frutti di mare locali

Come arrivare

Le isole Oki sono raggiungibili solo per via marittima e aerea. Una volta sull'isola, puoi noleggiare un'auto, usare i taxi del posto o noleggiare una bicicletta.

Dei traghetti partono dal porto di Shichirui nella città di Matsue e dal porto di Sakaiminato a Sakaiminato, nella prefettura di Tottori. Il viaggio in traghetto dura circa 2 ore e mezza. I collegamenti in traghetto sono più numerosi durante i mesi estivi e meno durante i mesi invernali, quindi è necessario controllare gli orari prima della partenza. Ci sono anche barche veloci da entrambi i porti. Per informazioni aggiornate, consulta sempre il sito internet di Oki Kisen .

L'aeroporto di Oki a Dogo è servito da voli dall'aeroporto internazionale di Osaka, in 50 minuti, e dall'aeroporto di Izumo, in 30 minuti.

 

I traghetti collegano tutte le quattro isole. I servizi autobus sono limitati, quindi noleggiare un'auto ti garantisce una maggiore libertà per visitare i siti. È anche possibile noleggiare una bicicletta per spostarsi.

Spiagge, coste e mari

I mari che circondano le isole Oki sono straordinariamente limpidi, perfetti per sport acquatici e attività ricreative come il nuoto, lo snorkeling, il kayaking e la pesca. Puoi prendere lezioni di scuba diving o, se sei già un esperto, noleggiare l'attrezzatura necessaria e immergerti da solo.

Gran parte della costa è perfetta per camminare e passeggiare. I pendii erbosi della Scogliera di Matengai sono a 257 metri sul livello dell'acqua. Non perderti la vista del tramonto sulla punta dell'isola delle candele (sull'isola di Dogo).

Coloro che cercano qualcosa di più impegnativo, possono fare un'escursione sul Monte Daimanji, a oltre 600 metri sopra il livello del mare. Questa montagna ha molti sentieri escursionistici che ti portano attraverso insolite formazioni rocciose naturali e un misterioso santuario in cui le antiche divinità della foresta sono ancora venerate.

In alternativa, fai un'escursione fino alla cima del Monte Takuhi. Dalla cima di questa montagna alta 450 metri, puoi ammirare il blu del mare e sulle isole circostanti.

Gli autobus sono praticamente inesistenti, consentendo ai ciclisti di viaggiare comodamente e in sicurezza. Il noleggio di biciclette è un modo conveniente per girare le isole e godersi il paesaggio.

Tour in barca

Itinerari alternativi includono l'esplorazione della costa dal mare in uno dei numerosi tour in barca organizzati. 

La barca turistica dal fondo di vetro delle isole Oki, Amanbow , rivela il mondo sottomarino. Una crociera sul canale, costruita per penetrare l'istmo tra l'isola di Nishino e la splendida costa di Kuniga, permette di scoprire lo stile di vita locale e la topografia spettacolare della regione.

Un'introduzione all'isola

Dogo è la più grande delle isole Oki, con una circonferenza di circa 211 chilometri. La penisola di Shirashima, la costa di Jodogaura e la Roccia candela , dove il sole sembra poggiare sulla guglia di roccia a 20 metri sul livello del mare, sono solo alcune delle attrazioni naturali.

Avventurati nell'entroterra per visitare il Santuario Dangyo e le Cascate di Dangyo , o vedere il Chichi-sugi, un imponente albero dalla forma insolita, vecchio di 800 anni.

 

 

Nishinoshima, con circa 3.000 abitanti, è la seconda più grande delle isole abitate e sede della costa di Kuniga. L'imperatore giapponese Go-daigo fu esiliato qui nel XIV secolo, ma riuscì a fuggire dopo solo un anno.

Visita il Santuario Takuhi-jinja , un santuario costruito in una grotta in quota, all'interno di un vulcano, con vista sui mari circostanti. Il Santuario Yurahime-jinja è stato costruito di fronte a un braccio di mare. La leggenda narra che la spiaggia di sabbia era coperta da banchi di calamari tra dicembre e Capodanno. Osserva i riti in questi santuari e in altri luoghi in giro per l'isola.

Le isole minori

Nakanoshima è la più bassa delle isole, con un picco di soli 164 metri. La sua lunga costa comprende le scogliere rosse di Akiya, che si estendono per 1 chilometro. I visitatori possono godere di una vista sulle altre isole da Capo Kirogasaki.

L'imperatore Gotoba trascorse gli ultimi 19 anni della sua vita in esilio a Nakanoshima all'inizio del XIII secolo. Si dice che la tradizione Oki del Togyu , il sumo dei tori, ancora popolare al giorno d'oggi, sia iniziata qui come intrattenimento per lui. La barca di esplorazione sottomarina Amanbow parte da qui.

Con solo 600 abitanti, la più piccola delle isole abitate è Chiburijima. L'isola è troppo aspre per sostenere l'agricoltura tradizionale, quindi la popolazione locale trova sostentamento nella pesca e nell'allevamento del bestiame.

I tanuki (cani procione) si possono trovare anche su Chiburijima. Infatti, questo è l'unico luogo delle isole Oki dove vivono in cui superano persino la popolazione umana dell'isola.



* Le informazioni presenti in questa pagina possono essere soggette a modifiche a causa dell’emergenza COVID-19.

Consigliato per te

Adachi Museum of Art ID77_Main.jpg
Museo d’arte Adachi
Matengai Cliff
Scogliera di Matengai

Please Choose Your Language

Browse the JNTO site in one of multiple languages