Usa il icona sulle pagine da aggiugere ai preferiti

Stai preparando un viaggio per il Giappone?

Condividi con noi le tue foto di viaggio con l'hashtag #visitjapanjp

La mia preferenza

sg072 sg072

GUIDA Escursionismo in Giappone

Il territorio montano del Giappone lo rende una destinazione invitante agli occhi degli appassionati di escursionismo e di trekking

Le montagne si trovano a breve distanza da tutte le principali città del Paese, l'ideale per chiunque desideri scalare nuove vette. In base alla tua preparazione, puoi scegliere tra numerosi percorsi da esplorare, adatti sia a piacevoli passeggiate che a impegnative scalate per atleti esperti.

Oltre al brivido dell'avventura, l'escursionismo offre anche un'affascinante e nuova prospettiva sul Giappone. Andando alla scoperta delle montagne, scoprirai fenomeni naturali, strabilianti cascate, geyser spumeggianti, fiumi dall'acqua cristallina e panorami mozzafiato. Ogni scenario si trasforma con il susseguirsi delle stagioni, quando il tripudio di colori autunnale lascia spazio a un manto di neve in inverno e poi ai boccioli in primavera.

Il Giappone offre una vasta gamma di percorsi per l'escursionismo

I percorsi escursionistici più famosi del Paese

In Giappone, gli escursionisti troveranno un'infinità di opzioni tra cui scegliere, ma ci sono anche alcuni percorsi iconici che sono un grande traguardo per chi riesce a completarli. Alcuni di essi richiedono diversi giorni di cammino e sono adatti solo agli sportivi allenati, mentre altri offrono numerosi percorsi alternativi per qualsiasi tipo di preparazione fisica.

La difficile scalata del Monte Fuji è il percorso escursionistico più famoso del Paese

Scalare il Monte Fuji

Ogni anno, centinaia di persone si dirigono verso il Monte Fuji per conquistare la vetta più famosa del Giappone. La stagione ufficiale della scalata del Monte Fuji inizia i primi di luglio e si conclude il 10 settembre. La maggior parte delle persone che decide di affrontare il Monte Fuji sceglie il famoso sentiero Yoshida partendo dalla quinta stazione, dove si trovano molti negozi di souvenir e di prodotti alimentari, l'ideale per rifornire le scorte prima di iniziare la salita. Si tratta di un'escursione che mette a dura prova, ma la soddisfazione una volta arrivati in cima e il panorama di cui si gode ne valgono senz'altro la pena.

Non è un cammino da prendere alla leggera. Quest'escursione impegnativa necessita di un'attrezzatura professionale, dato che anche i percorsi più brevi richiedono dalle cinque alle otto ore di cammino. Pianificando per tempo, puoi anche prenotare un posto in un rifugio lungo il percorso per riposarti (ma non aspettarti di poter dormire molto in queste stanze anguste e condivise). I percorsi di solito sono molto affollati, quindi, se puoi, evita i fine settimana e i giorni festivi.

Molte delle escursioni più note includono il pellegrinaggio

Un trekking sacro di più giorni

I tre santuari dell'area di Kumano sono da secoli meta di pellegrinaggi religiosi e ancora oggi sono molto popolari tra gli escursionisti. I suoi tre itinerari principali attraversano le prefetture della penisola più grande del Paese, offrendo viste straordinarie.

L'escursione tipica lungo la Kumano Kodo richiede circa cinque giorni di cammino, ma i visitatori possono anche optare per percorsi più brevi, tra cui alcuni che non richiedono di trascorrere la notte fuori. È possibile affrontarla in autonomia, ma ci sono anche molti organizzatori che propongono tour guidati, si occupano di tutta la pianificazione e rendono l'escursione un'esperienza più godibile. I vari percorsi sono aperti tutto l'anno, anche se diventano molto più affollati nei fine settimana e nei giorni festivi. Tuttavia, anche nelle giornate di maggior affluenza, vale comunque la pena avventurarsi in una delle camminate più spirituali di tutta l'Asia.

Le escursioni possono richiedere da poche ore a giornate o fine settimana interi

88 templi in quattro prefetture

Un percorso escursionistico che richiede davvero molto impegno è il Pellegrinaggio di Shikoku (chiamato in Giapponese "Shikoku Henro"), che attraversa l'intera regione di Shikoku. Questo antico percorso circonda le quatto prefetture dell'isola (Ehime, Kagawa, Kochi e Tokushima) ed è costellato da 88 templi sacri. Affrontarlo è una vera e propria sfida, ma con una grande ricompensa spirituale.

Il pellegrinaggio degli 88 templi offre una vasta possibilità di scelta. Gli escursionisti possono iniziare questo cammino circolare da qualsiasi punto e muoversi nella direzione che preferiscono. Il percorso si affronta solitamente a piedi, anche se possono volerci fino a 60 giorni per girare tutto lo Shikoku. Altrimenti, come fanno molti escursionisti, puoi alternare la camminata al trasporto pubblico. Qualsiasi soluzione tu scelga, è sempre una valida occasione per cogliere la bellezza dello Shikoku.

Le Alpi giapponesi attraversano sei prefetture

Un'imponente catena montuosa

Le Alpi giapponesi , nella regione centrale dell'isola principale della nazione, offrono numerose opportunità di escursionismo. Le montagne si dispiegano lungo sei prefetture e si suddividono nelle Alpi giapponesi meridionali, centrali e settentrionali. Si tratta di un'area sconfinata, ricca di percorsi e cammini ideali per l'escursionismo che pullulano di templi e antiche città postali.

La maggior parte delle Alpi giapponesi attraversa la prefettura di Nagano. Chi desidera avere il massimo delle opzioni può quindi dirigersi verso questa regione fredda e partire da lì. Nei monti Hida, a nord, si trovano alcune delle rotte di escursionismo più amate del Paese. A sud, invece, si trovano i più miti Akaishi, dei monti oltre i quali si celano splendidi fiumi e laghi.

I percorsi meno noti del Giappone spesso sono anche i meno affollati

Allontanarsi dai sentieri battuti

Non tutti i percorsi del Giappone sono gremiti di visitatori. Nell'arcipelago troverai sicuramente perle nascoste che non godono di tutta l'attenzione del Monte Fuji, ma a cui non manca lo stesso grande fascino.

Nelle Alpi giapponesi settentrionali, la valle di Kamikochi offre viste da cartolina su montagne e fiumi. Quest'area di Nagano è aperta da aprile a metà novembre e, nonostante sia una meta turistica popolare, gli hotel e i negozi sono pochi. Qui troverai numerosi percorsi escursionistici, tra cui cammini scenografici che passano per il piccolo lago di Taisho. Inoltre, potrai anche osservare le scimmie selvatiche e specie di uccelli dai colori vivaci. Se ti trovi bene anche nei posti un po' più affollati, puoi visitare questi luoghi in autunno, per ammirare le spettacolari sfumature della stagione.

Nella zona centrale di Hokkaido c'è il Parco nazionale di Daisetsuzan . È il parco nazionale più grande del Giappone e tra le sue numerose attrazioni ci sono anche diverse vette da scalare. Quella centrale è il Monte Asahi, che è anche il più alto di Hokkaido. È tra le mete di escursionismo estivo predilette e d'inverno si trasforma nel paradiso dello sci e dello snowboard. L'area fa da scrigno a numerose sorgenti terminali e ospita specie faunistiche autoctone. Il suo terreno aspro e montuoso regala paesaggi mozzafiato in qualsiasi momento dell'anno.

I luoghi più remoti del Giappone offrono anche alcune delle migliori opzioni di escursionismo. Yakushima , vicino alla prefettura di Kagoshima , è accessibile sia in barca che in aereo, prendendo uno dei voli che partono periodicamente da Tokyo. I cammini, facili da esplorare, si diramano nelle antiche foreste di cedri che ricoprono l'isola. Gli escursionisti più intrepidi possono anche avventurarsi sulle ripide montagne di Yakushima.

I percorsi variano da piacevoli passeggiate a scalate per esperti

Il Monte Kita, nelle Alpi giapponesi meridionali della prefettura di Yamanashi, è la seconda montagna più alta del Giappone. È una nota meta di escursionismo e, per raggiungere la cima, puoi prendere uno dei tre cammini possibili, che attraversano foreste e un fiume. Vicino alla vetta ci sono rifugi in cui fare una pausa e un'area campeggio.

La Penisola Shiretoko , su un estremo di Hokkaido, è il punto più orientale del Giappone. Questa parte dell'isola settentrionale è patria di numerose montagne maestose, tra cui il Monte Rausu. In questa zona del Paese, ci sono numerosi cammini, anche se è meglio affrontarli insieme a una guida, poiché sono luoghi popolati dagli orsi. L'area del parco, dove puoi vedere i pittoreschi cinque laghi di Shiretoko, è più adatta a una passeggiata rilassante. In estate, le cascate sono l'attrazione principale, mentre nei mesi più freddi i banchi di ghiaccio alla deriva diventano la maggiore attrattiva.

Il Monte Daisen , nella prefettura occidentale di Tottori, è la montagna più alta della regione di Chugoku. Questo luogo spirituale, sede di diversi grandi templi buddisti, attrae persone da tutto il Paese, quindi è un'ottima idea includerlo nell'itinerario dell'escursione. Scalando le dorsali, i più temerari possono osservare panorami straordinari sulla regione circostante. In autunno, quando le foglie cambiano colore, la vista diventa ancora più spettacolare.

Il Monte Aso , nella prefettura di Kumamoto, è un vulcano attivo la cui ultima eruzione risale al 2016, quindi prima di decidere di esplorarlo è importante controllare le ultime notizie. Il monte offre alcune valide opzioni di escursionismo, compresa quella del cratere, se le condizioni di sicurezza lo permettono. Puoi anche prendere la funivia del Monte Aso, che porta direttamente al vulcano. Oltre al trekking, a valle è anche possibile andare a cavallo immersi in verdi prati di montagna.

Tutte le città del Giappone offrono escursioni nelle vicinanze

Escursioni giornaliere semplici partendo dalle principali città giapponesi

Dalla capitale nipponica è possibile partire per numerose escursioni giornaliere senza uscire dall'area metropolitana. La più popolare è quella sul Monte Takao, che dista solo un'ora di treno dalla stazione di Shinjuku. I visitatori possono scegliere fra otto cammini diversi che risalgono la montagna con vari livelli di difficoltà. Prenditi del tempo per goderti le sorgenti termali naturali ad alta quota o, nei mesi caldi, gusta la carne alla brace nella birreria estiva all'aperto.

Arrivare al Monte Mitake richiede un po' più di tempo, 75 minuti in treno partendo da Shinjuku. Il paesaggio che puoi goderti da questo angolo di Tokyo vale senz'altro l'attesa del viaggio. Questa vasta lingua di terra è ricoperta da foreste, gole e alcuni piccoli quartieri tutti da esplorare. Parte del suo fascino è dovuto a un famoso santuario visitato da molti escursionisti giapponesi, ma i percorsi che offre sono già di per sé pieni di meraviglie naturali. Una delle principali attrazioni delle passeggiate sul Monte Mitake sono proprio le sue aree meno elevate, dove è possibile vedere cascate e fiumi.

Quando gli edochiani hanno bisogno di una pausa dalla città, molti si dirigono direttamente a Nikko , nella vicina prefettura di Tochigi. Un altro aspetto affascinante del luogo sono i suoi templi ricchi di colori, le sorgenti termali e i negozi di souvenir tradizionali. Chi desidera immergersi nella natura, può scegliere il lago di Chuzenji , a Nikko, i cui dintorni offrono percorsi escursionistici panoramici con ruscelli. Proprio accanto al lago si erge il Monte Nantai, una sfida un po' più ardua per chi preferisce escursioni di un solo giorno. Non lontano da lì si trova Senjogahara, un vasto e paludoso altopiano con viste spettacolari quando i colori dell'autunno si esprimono in tutta la loro bellezza.

Kamakura si trova a sud di Tokyo. Questa città costiera offre un clima mite, ogni sorta di prelibatezze e la famosa statua di Buddha, che attrae visitatori da ogni parte del mondo. A Kamakura ci sono inoltre percorsi escursionistici che attraversano le lussureggianti foreste della regione. Sono quasi tutti relativamente brevi, ma pur sempre splendidi e passano per numerosi templi. Inoltre, le temperature sono più ospitali di quelle dei luoghi più a nord. Tra i vari percorsi della zona, il migliore è probabilmente quello di Daibutsu, che collega diversi templi attraversando una gradevole area boschiva.

Uno dei cammini di pellegrinaggio più noti del Giappone si trova a breve distanza da Osaka, nella regione del Kansai. Il Monte Koya, nella prefettura di Wakayama, è noto per i suoi templi e le sue strutture religiose, che offrono l'opportunità di sperimentare la vita dei monaci per un paio di giorni. Il cammino principale per scalare la montagna è il percorso Koyasan Choishi Michi, che si snoda dalla valle sino all'area superiore principale.

È possibile effettuare escursioni tutto l'anno

Il Monte Yoshino , nella prefettura di Nara, permette di avventurarsi in una piacevole escursione in qualsiasi momento dell'anno. La scalata verso la vetta è relativamente semplice e il cammino passa per una città tradizionale e diversi templi. Per vivere al meglio l'esperienza dell'esplorazione del Monte Yoshino, è preferibile partire in primavera, durante la fioritura dei ciliegi. All'inizio di aprile, infatti, la scalata verso la cima si veste di un manto rosa, il che lo rende uno dei luoghi giapponesi più noti dove ammirare i sakura. Sarà molto affollato, ma ne varrà comunque la pena di fronte allo spettacolo degli alberi in fiore.

Il Parco di Minoo si trova nella periferia di Osaka. Con un tragitto in treno di 25 minuti dalla stazione di Umeda, i visitatori possono partire alla scoperta di una valle costellata di alberi e cascate. È un cammino semplice da seguire della durata di circa 45 minuti. Proprio come molti di questi luoghi, il Parco di Minoo prende vita in autunno, quando si trasforma in un tappeto di foglie rosse, arancioni e gialle. Lungo il cammino, ricordati di acquistare la "momiji tempura", così potrai cogliere la rara occasione di gustare le foglie d'acero fritte.

Anche Kyoto offre molte attrattive senza dover lasciare la città, ma con un tragitto di soli 30 minuti verso nord potrai esplorare le incantevoli città montane di Kurama e Kibune. Entrambe sono luoghi piuttosto tranquilli, dove fare brevi escursioni su montagne circondate da villaggi, una piacevole fuga dall'area metropolitana. Il Tempio del Monte Kurama e il Santuario Kibune sono entrambi luoghi di culto famosi, raggiungibili attraverso sentieri escursionistici. Terminato il percorso, fai tappa a Kurama Onsen per rilassarti e recuperare le energie dopo la salita.

Il Santuario Fushimi Inari, a sud di Kyoto, è l'ideale per una fuga dalla città. Questo famoso luogo turistico è noto per i centinaia di "torii" arancioni che indicano il cammino che porta al Monte Inari, luogo di importanza religiosa. Dal sentiero sotto gli iconici varchi al percorso scoperto, tutte le strade portano alla vetta. Il cammino di tre ore include molti piccoli santuari e stand che vendono diverse tipologie di cibi gustosi per chi desidera fare una pausa. Comunque tu raggiunga la vetta, ti aspettano straordinarie viste su Kyoto.

L'escursionismo è uno dei modi migliori di scoprire la bellezza del Giappone

Suggerimenti da tenere in conto prima di un'escursione

In generale, i consigli per l'escursionismo in Giappone sono simili a quelli di qualsiasi altro luogo del mondo. Tuttavia, ci sono alcune questioni specifiche di questo Paese da tenere a mente.

Un suono familiare lungo i percorsi del Giappone è quello della campanella anti-orso. Molti escursionisti giapponesi la attaccano alle proprie borse o vestiti per tenere gli orsi alla larga. Infatti, in alcuni luoghi come Hokkaido o anche nei dintorni di Tokyo, gli orsi possono essere motivo di preoccupazione.

Un altro abitante della foresta ancora più spaventoso è la vespa gigante, chiamata in Giapponese "suzumebachi". Anche se questo insetto non è solito abbandonare il proprio cammino per attaccare le persone, avvicinarsi troppo al nido può metterlo sulla difensiva.

Infine, lungo molti dei percorsi del Giappone ci sono locande in cui pernottare. La maggior parte ha un prezzo di circa 6.000 yen, ma puoi trovare anche delle opzioni gratuite molto spartane.

Please Choose Your Language

Browse the JNTO site in one of multiple languages