HOME Back

Use the

Planning a Trip to Japan?

Share your travel photos with us by hashtagging your images with #visitjapanjp

Padiglione d’argento (Tempio di Ginkakuji) 慈照寺(銀閣寺)

Ginkaku-ji Ginkaku-ji
Ginkaku-ji Ginkaku-ji

Un tempo villa di riposo di uno shogun, ora classico tempio Zen

Originariamente Ginkakuji fu costruita come villa di riposo per uno shogun del XV secolo, Ashikaga Yoshimasa, e oggi è uno dei templi Zen più classici del Giappone e un importante esempio dell'estetica wabi-sabi ispirata alla bellezza dell'imperfezione. Prima che diventasse un tempio, la villa dello shogun era il centro della cultura di Higashiyama, da cui si sviluppò la cerimonia del tè, la composizione floreale, la poesia e il teatro Noh. Oggi Ginkakuji è uno dei templi più famosi di Kyoto.

Nonostante il suo nome (che si traduce come Padiglione d'argento), a Ginkakuji manca qualcosa, cioè proprio l'argento. Lo shogun Ashikaga Yoshimasa originariamente progettò di ricoprire l'esterno dell'edificio in lamina d'argento, ma non lo fece mai.

Da non perdere

  • Ginkaku, l'edificio principale del tempio
  • Trovare la pace nel giardino Zen incontaminato
  • Altri tesori architettonici in loco come le case da tè

Come arrivare

Il Tempio di Ginkakuji si trova nella parte settentrionale dell'Higashiyama della città di Kyoto. Si trova nel cuore della vecchia Kyoto, vicino alla zona del vecchio Palazzo imperiale di Kyoto .

Dalla stazione di Kyoto , prendi l'autobus n. 5 o n. 17 fino alla fermata di Ginkakuji-michi. Da lì sono 10 minuti a piedi.

 

 

Un omaggio a Kinkakuji

Questo complesso fu originariamente costruito nel 1460 dallo shogun Ashikaga Yoshimasa come villa di riposo nella parte orientale di Kyoto. Nel 1482 aggiunse la struttura oggi nota come Padiglione d'argento, come sala dedicata al bodhisattva Kannon. Progettò l'edificio per assomigliare a un più piccolo e umile Padiglione d'oro (Kinkakuji) che suo nonno, Ashikaga Yoshimitsu, aveva commissionato.

Meravigliosamente imperfetto

Al posto dell'oro, Ginkaku doveva essere ricoperto da una lamina argentata. Questo non avvenne mai e, con il suo aspetto incompiuto, si dice che la struttura sia come l'ultima volta che Yoshimasa la vide. Questo incarna perfettamente l'idea buddista di wabi-sabi.

Nel 1485 Yoshimasa divenne monaco e prese il nome di Jisho (che significa “Misericordia radiosa”), da qui il nome ufficiale del Tempio di Jishoji. Dopo la morte di Yoshimasa nel 1490, fu trasformato in un tempio su sua richiesta.

Architettura influente

Il Togudo, costruito nel 1468, a sinistra del Padiglione d'argento in corrispondenza dell'ingresso, è il secondo edificio più importante del complesso. Si tratta sempre di una sala buddista ma costruita nello stile di una residenza. Il Togudo fu un'opera radicale che influenzò l'architettura militare d'élite per le generazioni successive.

Influenzò anche lo stile delle case giapponesi moderne. Caratteristiche uniche al tempo includono una scrivania integrata (shoin), scaffalature sfalsate, un tokonoma (spazio espositivo incassato) e schermi scorrevoli dipinti. Tutte queste caratteristiche sono ancora presenti nelle tradizionali case giapponesi. Si dice che questo sia il primo esempio di stanza da tè di 4,5 tatami, che è diventata la dimensione fondamentale per la cerimonia del tè.

Desiderio di pace

Il periodo di Yoshimasa come shogun fu segnato da conflitti e guerre, in particolare la guerra Onin del 1467-77. Non fu un sovrano capace e volle rilassarsi durante la pensione. Fu un grande mecenate delle arti e portò pittori e poeti nella sua casa.

Cultura diffusa in tutto il Paese

Ginkakuji era il centro della cultura di Higashiyama, che influenzò sia nobili che cittadini comuni. Molte delle arti universalmente conosciute come tipicamente giapponesi sono state sviluppate durante questo periodo, tra cui la cerimonia del tè, il design del giardino, la poesia, il teatro Noh, l'ikebana (composizione floreale) e l'architettura giapponese.

Il parco di Ginkakuji

Il giardino di sabbia di Ginkakuji è famoso per la sua scultura di sabbia disposta meticolosamente che si dice rappresenti il Monte Fuji.

Questo classico tempio giapponese è uno dei luoghi più popolari da visitare a Kyoto, quindi è meglio vederlo fuori stagione oppure subito dopo l'apertura e poco prima della chiusura. Un sentiero dietro il giardino offre una via di fuga dalla folla e conduce su una collina dove è possibile godere di una splendida vista del tempio e della città circostante.

La visita a Ginkakuji può essere completata in un'ora, ma la zona circostante è una destinazione ricca di siti famosi. Questi includono molti templi e santuari, tra cui il Tempio di Chion-in , il Tempio di Nanzenji e il Santuario Heian Jingu . È anche molto vicino al Sentiero del Filosofo , che si snoda lungo un torrente, con alberi e arbusti che ispirano alla contemplazione.

Lo zoo di Kyoto, il Museo municipale d'arte di Kyoto, il Museo nazionale d'arte moderna e altre strutture dedicate all'arte e alla cultura di Kyoto e del Giappone fanno di questo quartiere un ottimo posto da visitare.

 

 



* Le informazioni presenti in questa pagina possono essere soggette a modifiche a causa dell’emergenza COVID-19.

Consigliato per te

central kyoto
Eikando (Tempio Zenrinji)
Nanzen-ji
Tempio di Nanzenji
  • INICIO
  • Padiglione d’argento (Tempio di Ginkakuji)

Please Choose Your Language

Browse the JNTO site in one of multiple languages