Intervista 1 Akira Sasaki

PROFILO

AKIRA SASAKI

Professione: sciatore professionista/imprenditore
Traguardi raggiunti: ex sciatore della squadra olimpica giapponese di slalom e slalom gigante

Akira Sasaki ha gareggiato nella Coppa del mondo di sci alpino FIS, specialità slalom, dal 2001 al 2014, conquistando tre volte il secondo posto, a partire da Wengen, in Svizzera, nel 2003. Inoltre, si è classificato nella prima testa di serie (tra i primi 15) per tre stagioni dal 2004.
Dopo il ritiro dalle gare, è passato allo sci backcountry, esplorando zone remote in tutto il Giappone e in vari paesi del mondo e diventando il principale esperto dei pregi che rendono così incredibile la neve polverosa del Giappone.

Luogo: villaggio Katashina, Gunma, Giappone
[Intervista] Fujii-So
[Foto sulla neve] White World Oze Iwakura

Come descriveresti la qualità della neve in Giappone?

La neve giapponese è così leggera che sembra quasi evitare il tuo corpo: scivola via, non si attacca mai a niente.
Hokkaido vanta in assoluto la qualità di neve migliore. Ovviamente, ci sono differenze anche tra le varie zone di Hokkaido. A nord, nella zona di Asahikawa, la neve è particolarmente leggera. Ti fa esclamare: "Wow! Grazie!". Quando vado a sciare con amici che arrivano dall'estero o se mi chiedono un buon posto per sciare in Giappone, di solito prediligo la zona di Asahikawa. È un posto imperdibile.

Quali piste da sci del Giappone consiglieresti?

In Giappone ci sono molte località sciistiche poco conosciute. La neve è ottima e in genere troverai varie località in una determinata zona, così da poter praticare molti tipi di sci. Suggerisco di restare in zona e di valutare le località sciistiche più piccole.
Consiglio la zona di Gunma. Molti snobbano Gunma e scelgono comprensori invernali più quotati, come Nagano e Niigata, ma anche Gunma è molto valida. Poca gente e condizioni ideali.

Qual è il modo migliore per fare un'esperienza di sci backcountry in Giappone?

Ogni località sciistica ha proprie regole per il backcountry, che variano da zona a zona. Quando si va a sciare fuoripista, occorre preparare l'attrezzatura giusta e compilare un verbale ufficiale comunicando l'intenzione di fare un'escursione in montagna. Bisogna seguire le regole in modo che tutti possano divertirsi in sicurezza. Le montagne in Giappone non sono imponenti, ma ci sono slavine, buche insidiose alla base degli alberi, corsi d'acqua. Sciare vicino a un ruscello e caderci dentro è un incidente molto comune. Mi auguro che gli sciatori scelgano di affidarsi a una guida locale, che può essere d'aiuto per spostamenti e misure di sicurezza. Non credo sia una buona idea andare da soli.

Il tuo messaggio ai turisti che vengono in Giappone per sciare.

Da nord a sud, il Giappone vanta molte località sciistiche minori e quasi tutte offrono un onsen, ovvero una sorgente termale. Ci si può divertire provando tutti i diversi onsen.
La qualità della neve varia da posto a posto, ma si può trovare neve polverosa un po' dappertutto. Inoltre, non ci sono particolari problemi di trasporto: ovunque tu voglia andare, è facilissimo arrivarci. Il Giappone ha aeroporti in tutte le principali città e se una meta non è raggiungibile in aereo, si può prendere uno shinkansen. Tutto sommato, è possibile raggiungere le località sciistiche da nord a sud con un unico viaggio, grazie al fatto che il Giappone è un piccolo paese insulare che ha la fortuna di avere una neve fantastica!

ALTRE INTERVISTE