Intervista 4 Michael von Grünigen

PROFILO

Michael von Grünigen

Professione: sciatore professionista, designer di prodotti per lo sci, allenatore di gare di sci
Traguardi raggiunti: ex sciatore della squadra svizzera di sci (sci alpino: slalom gigante e slalom speciale)

Michael von Grünigen ha ottenuto la sua prima vittoria nello slalom gigante alla Coppa del mondo di sci alpino FIS a Veysonnaz nel gennaio 1993 ed è stato uno dei migliori atleti per dieci anni, diventando più volte campione annuale di slalom gigante nel 1996, 1997, 1999 e 2003.
Dopo il ritiro dalle competizioni sciistiche, è stato molto attivo come designer di abbigliamento da sci. I suoi prodotti di successo vengono utilizzati da tutti i tipi di sciatori, dagli agonisti agli sciatori su pista.

Luogo: città di Yuzawa, Niigata, Giappone
[Intervista] Naspa New Otani Yuzawa
[Foto sulla neve] Naspa Ski Garden

Cosa ne pensi delle località sciistiche in Giappone?

Ci sono alcune differenze rispetto al vecchio continente: in Europa, le piste sono circondate da un panorama aperto, mentre in Giappone spesso si snodano attraverso le foreste.
Ci sono molte piste ripide, ottime discese, piste interessanti e una varietà di diversi pendii sciistici.
Per quanto riguarda le condizioni della neve, in Europa siamo abituati a fare ampio uso di neve artificiale, quindi le piste sono più dure.
In Giappone la neve è naturale e penso che la neve polverosa qui giochi un ruolo molto importante.

Cosa ti piace fare quando scii in Giappone?

In Europa, quando si va in vacanza, spesso si sceglie un posto e si rimane lì per una settimana o dieci giorni. E ci si dedica a tutti i tipi di attività offerte da quel posto.
Qui i comprensori sciistici forse non sono altrettanto grandi, ma ce ne sono molti raggruppati in un'unica zona. Ci sono tante stazioni sciistiche a breve distanza, quindi è possibile scoprire e frequentare quattro o cinque località in una settimana.
Questa è un'altra caratteristica molto interessante del Giappone. Uno sciatore può sperimentare diversi tipi di neve.
Una zona può offrire neve polverosa, un'altra può trovarsi a una quota più alta o più bassa, ci sono diversi tipi di neve, di piste e anche la cultura può essere leggermente diversa. Questa varietà contribuisce a offrire un'esperienza più ricca.

Cosa ti sorprende di più del Giappone?

Qui in Giappone ho notato che tutto è generalmente ben organizzato. Sugli impianti di risalita, ad esempio, si trovano sempre addetti che aiutano a portare gli sci e che si assicurano che gli sciatori non cadano.
Ho anche notato che arrivando in shinkansen da Tokyo a Yuzawa, con indosso un semplice paio di jeans, puoi noleggiare tutto, compresi scarponi, abbigliamento e sci, e mezz'ora dopo essere sceso dal treno sei già pronto.
Acquisti un biglietto per gli impianti di risalita e raggiungi le piste da sci: è fantastico.

Cosa vorresti dire a chiunque stia valutando una vacanza sciistica in Giappone?

In sintesi direi che, un viaggio in Giappone è un’esperienza davvero molto interessante.
Ci sono molti luoghi da visitare, molte sensazioni diverse ed è tutto ben organizzato.
Vale sicuramente la pena di fare questo viaggio se si desidera provare qualcosa di nuovo, scoprire una nuova cultura, un nuovo tipo di sci, piste diverse, regioni diverse e persino diversi tipi di neve. Lo consiglio vivamente.

ALTRE INTERVISTE