Intervista 3 Mike Basich

PROFILO

Mike Basich

Professione: snowboarder professionista, responsabile di linee d'abbigliamento, cineasta, avventuriero, lifestyle creator
Traguardi raggiunti: ex snowboarder della squadra di snowboard statunitense (freestyle)

Mike Basich è un pioniere dello snowboard freestyle: ha iniziato la sua carriera negli anni '80 e ha continuato a farsi conoscere negli anni '90, partecipando alla Coppa del Mondo e agli X Games. Oltre alle competizioni, ha costantemente ridefinito la parola "freestyle" con acrobazie, ad esempio iniziando una discesa con un salto di 36 metri da un elicottero. Non si limita solo allo snowboard, ma gestisce anche un marchio di abbigliamento ed è attivo nella comunità degli appassionati di fai da te.

Luogo: villaggio di Hakuba, Nagano, Giappone
[Intervista] The North Face "GRAVITY" Hakuba
[Foto sulla neve] Hakuba, area sciistica di Goryu, pista Iimori

Come è andato il viaggio?

Bene, è stato facilissimo! Il Giappone è un posto fantastico. Dalla California o da qualsiasi parte degli Stati Uniti, sali su un aereo alle 10 del mattino e atterri qui verso le 3/4 del pomeriggio, quindi hai a disposizione il resto della giornata per prendere un treno o fare il check-in in albergo. È piuttosto semplice.
Qui, poi, sono tutti molto accoglienti. Il paese è ricco di storia... Ecco, sono queste le sensazioni che provi all'arrivo. Ho cenato in un'atmosfera molto tradizionale, una cosa che non si può sperimentare altrove. È piacevole assaporare la cultura locale non appena atterrati. Per quanto riguarda il denaro, rispetto ad altri paesi, qui molti posti accettano le carte di credito. Arrivi e inizi a usare la tua carta, il che è abbastanza comodo.

Quali sono le cose che ti piacciono di Hakuba?

Ho viaggiato molto. Inseguo la neve da 30 anni in giro per il mondo. Ciò che rende unico il Giappone sono le diverse esperienze che puoi vivere in ogni località sciistica. Qui ad Hakuba si può arrivare abbastanza rapidamente. Ci sono sorgenti termali che offrono l'occasione di toccare con mano la cultura tradizionale. Ed è comodo per gli stranieri, perché molte persone parlano inglese.
Credo che il motivo per cui molti vengono ad Hakuba sia la varietà delle esperienze che si possono vivere.
Qui le montagne sono incredibili, si possono fare tantissime escursioni alla scoperta del backcountry. I percorsi fuoripista sono comunque raggiungibili con gli impianti di risalita. Le sorgenti termali, ripeto, sono un'esperienza imperdibile qui in Giappone.

Qual è il tuo viaggio ideale in Giappone?

È una combinazione di varie esperienze. Innanzitutto, vivere la montagna. Qui ad Hakuba, le Alpi giapponesi offrono l'autentica e intensa sensazione di trovarsi in alta quota. A chi non è mai stato in montagna, consiglio di farlo con una guida. Poi forse andrei a Tokyo, per scoprire da vicino la cultura della moda giapponese. Qui la moda è singolare, cambia rapidamente. Infine, proverei le proposte gastronomiche sia in un ristorante molto costoso che in un ristorantino economico. In entrambi, l’abilità manuale necessaria alla preparazione del cibo è straordinaria.

ALTRE INTERVISTE